Cos’è una startup?

Quando l’impresa diventa innovazione

Quello delle startup è un universo affascinante e dalle potenzialità incredibili, costantemente in fermento.  A questo fermento abbiamo deciso di dedicare una rubrica che parte da una fondamentale domanda: cos’è una startup?

Una startup è un’organizzazione temporanea in cerca di un business model ripetibile, scalabile e profittevole

È così che Steve Blank, docente della New York University, definisce nel 2012 quello che allora era un fenomeno ancora poco conosciuto: le imprese startup.
In quel magico mondo chiamato Silicon Valley, già nei primissimi anni ‘90 iniziarono a prendere forma le prime startup, imprese connotate dalla vocazione per la tecnologia, l’innovazione e la rapida crescita.

Ripetibile e scalabile

Cosa differenzia una startup da un’impresa tradizionale?

Il modello di business.

Cosa vuol dire?

Il business model di una startup che vuole definirsi tale, deve avere due specifiche caratteristiche: la scalabilità e la ripetibilità.

Scalabilità: il business della startup deve crescere in fretta, ricavi e clienti devono aumentare rapidamente fino a raddoppiare nel giro di pochi anni;

Ripetibilità: direttamente collegato alla scalabilità, il modello di business della startup deve poter essere replicato nel tempo e/o in diversi contesti. In altri termini, non deve essere legato a mode temporanee e rischiare di estinguersi nel giro di pochi anni.

Allora, cosa serve per iniziare?

Un’idea.

Le startup sono la realizzazione concreta di un’idea, un’intuizione che nella maggior parte dei casi nasce nel tentativo di risolvere una problematica che interessa in primis noi stessi.

I prodotti
citati

In virtù della strategia descritta, in questo articolo si parla di

Le migliori idee alla base di startup di successo nascono da esperienze personali, da una reale esigenza di trovare soluzioni innovative a problemi concreti

– T. O’Connell

Parola di Timothy O’Connell della piattaforma di innovazione H-FARM. 

Ma nel concreto?

Visioni e competenze: bisogna avere la capacità di vedere oltre o in modo diverso ciò che già esiste e le competenze necessarie per trasformare l’idea in business.

Al contrario di ciò che si pensa, non sono necessari grandissimi capitali e non è necessario avere l’idea più geniale di sempre: basta un budget modesto, un progetto fattibile e lavorare per obiettivi, affidandosi ad un team di professionisti.

Il resto verrà step by step.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Digital transformation?
Parliamone