Ecommerce Trends: i punti fondamentali del 2016

Una panoramica dettagliata

Quest’anno non si è fatto altro che dire quanto il business online sia in forte crescita, e quanto sia il momento di investirvi. Di più.

Ora andiamo a vedere, all’interno di questo enorme potenziale, quali sono gli eCommerce trends 2016 individuati da EuroItGroup per implementare le strategie di marketing verso la giusta direzione e raggiungere obiettivi sempre più alti.

Beacon, Big data e analisi predittive, personalizzazione, omni-canalità, localizzazione e focus sulla customer experience sono i trend più importanti da tenere sotto controllo nel 2016.

Cosa guardare e, soprattutto, su cosa puntare.

I punti fondamentali di questi eCommerce Trends 2016

1) Le revenue sul Mobile superano quelle sul desktop
Nel 2015 le transazioni mobile su scala mondiale hanno superato il 40%, secondo Criteo, e la percentuale è prevista arrivare al 70% entro il 2017. Secondo la stima di EuroItGroup, negli Stati Uniti gli acquisti da mobile rappresenteranno il 50% del commercio digitale.

2) I Beacon aumentano le vendite nei negozi
I beacon sono dispositivi che grazie al bluetooth sono in grado di trasmettere e ricevere informazioni a smartphone e tablet entro brevi distanze. Saranno 3,5 miliardi i dispositivi beacon installati nei negozi entro la fine del 2018 e aumenteranno le vendite di circa il 10%.

3) Big Data e analisi predittive aumentano i margini di guadagno
Chi usa i Big Data può aumentare la media dei margini di guadagno fino al 60%. Mentre le aziende che fanno analisi predittive (sul comportamento degli utenti, sulle performance aziendali etc.) vedono un aumento delle vendite del 73%.

4) Personalizzazione avanzata e approccio customer centric
La customer experience ottimizzata sulla base delle esigenze, preferenze e abitudini degli utenti-personas non è solo una necessità, ma è diventata un vero e proprio vantaggio competitivo. L’89% dei manager sono convinti che sarà proprio la customer experience a essere il prossimo campo di competizione principale. E lo è già.

5) L’omnicanalità sarà la nuova normalità
Secondo Google, l’85% dei consumatori online iniziano l’acquisto su un device per poi completarlo da un altro device. Questo nuovo tipo di consumatore multi-canale acquista più spesso e spende 3 volte di più di un consumatore “mono-canale”. Insomma, più che normalità, è il caso di dire che l’omnicanalità è la nuova potenzialità.

6) Accuratezza dei dati di localizzazione per l’advertising
La pubblicità su mobile basata sulla geolocalizzazione farà aumentare i ricavi delle aziende da 4 miliardi di dollari nel 2014 a ben 18 miliardi di dollari nel 2019.

7) Il mercato della Biometria crescerà del 50%
Per biometria si intende quella categoria di tecnologie per l’autenticazione, sulla base di caratteristiche fisiologiche o comportamentali difficili da alterare o simulare (dalle impronte all’iride). Secondo le previsioni del Biometrics Research Group questo mercato raggiungerà il valore di 15 miliardi di dollari quest’anno.

I prodotti
citati

In virtù della strategia descritta, in questo articolo si parla di

L’omnicanalità sarà la nuova normalità

8) Nessuna barriera tra online e offline, il digitale invade i negozi
I negozi che utilizzano la tecnologia per rispondere alle esigenze dei consumatori (e di gestione interna) sono quelli che avranno più successo. I grandi brand hanno già installato iPad nei camerini per permettere ai clienti di chiedere supporto e controllare le disponibilità di taglie, fino ad arrivare a installare tecnologie avanzatissime come specchi “magici” per provare outfit virtuali.

9) Adozione di piattaforme eCommerce integrate
Le aziende adotteranno piattaforme eCommerce che offrono soluzioni sempre più integrate, che supportano tutti i touch points (punti di contatto per scambiare informazioni, fornire un servizio o gestire le transazioni): dal digitale alla vendita tradizionale al dettaglio, fino alle tecnologie di impresa.

10) L’Interface Design per aumentare le conversioni
La UI (User Interface) si riferisce a tutto ciò che si frappone tra l’utente e la macchina. L’Interface Design è l’attività di progettazione della UI ed è sempre più studiata e strutturata per ridurre il più possibile le frizioni o distrazioni degli utenti e aumentarne le conversioni.

11) Le pagine web dinamiche stanno sostituendo quelle statiche
Per pagina web dinamica si intende una pagina web in cui il contenuto non è “statico” ma è generato sul momento dal server, potendo essere diversa ogni volta che viene richiamata consentendo un’interattività con l’utente. Nel 2016 molti siti web hanno iniziato ad usare pagine dinamiche rimpiazzando quelle statiche che sono destinate ad essere sempre meno usate.

12) CRO, UX, CX sono le nuove competenze più richieste
C’è un’alta domanda di esperti psicologia utente per migliorare la User Experience e la Customer Experience (UX e CX) e di esperti di statistics e analytics per ottimizzare il tasso di conversione (CRO).

13) Pagamenti da mobile e Programmi fedeltà
Integrare i programmi di fedeltà e premi con i pagamenti da mobile porta grandi risultati. Le aziende che prenderanno queste misure conosceranno una crescita del 36% entro il 2020.

14) Consegna a domicilio in giornata
Il 2016 è l’anno in cui le consegne-a-domicilio-in-giornata diventeranno la nuova norma-lità. Basta guardare al lancio (e al successo) di Amazon Prime Now in Gran Bretagna e tutti i vantaggi di Amazon Prime per consegne veloci e promozioni efficaci in tutto il mondo.

 

Per una consulenza su quella che potrebbe essere la strategia digitale innovativa per il tuo business, contattaci qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Digital transformation?
Parliamone