Facebook 360, nuove esperienze utente e opportunità per i brand

Dalle foto statiche ai panorami esplorabili, per un’esperienza utente a 360 gradi

Dal suo lancio lo scorso settembre, già con i video Facebook 360 è diventato un avvincente strumento di storytelling per i publisher e un coinvolgente strumento di fruizione di contenuti per gli utenti del social. Dai video di sensibilizzazione per le scuole in Ghana a video instant delle tempeste invernali a Times Square, passando per quelli straordinari della National Geographic e le sigle di film e serie televisive più famose.

Ma non solo video, pochi giorni fa c’è stato il release di Facebook 360 Photo. Perché se il video è considerato il più avvincente tra i nuovi mezzi di promozione delle aziende, sono ancora le foto il mezzo attraverso il quale le persone condividono di più le loro esperienze con i propri amici e con il mondo. Ogni giorno centinaia di milioni di foto vengono condivise su Facebook, dagli scatti divertenti alle tappe più importanti della loro vita, incluso tutto quello che accade nel mezzo.

Ed è proprio per rendere l’esperienza di fruizione di questi contenuti più coinvolgente, completa ed “immersiva” che Facebook ha introdotto questa nuova feature. O meglio, l’ha estesa alle foto.

Nuove “immersive” esperienze a portata degli utenti, e nuove opportunità per le aziende.

Per la prima volta aziende, persone e utenti comuni possono condividere foto a 360 gradi sul social.

Come? Semplicemente scattando una foto panoramica con lo smartphone, apposite app o fotocamere (come già succedeva con i video), e poi postarla come se fosse una foto normale. Una foto che però si convertirà in un’esperienza interattiva a 360°, con la possibilità di esplorarla in ogni angolo.

Le immagini saranno identificate dall’icona della bussola, e per quanto remoto, ogni angolo o scorcio di mondo diventerà un’esperienza interattiva cliccandoci e scorrendo da desktop o, ancora più experiantially da mobile, direttamente muovendo il cellulare. I propri amici su Facebook vedranno quella foto, e vivranno quei momenti, a 360 gradi proprio come se fossero presenti. Camminare in un parco, visitare un museo, celebrare una festa, affacciarsi da una vetta, sarà esattamente come esserci davvero.

I prodotti
citati

In virtù della strategia descritta, in questo articolo si parla di

Conosci te stesso. Conosci il cliente. Innova.

– Beth Comstock

Le nuove opportunità di Facebook 360 per i Brand

Aziende, personaggi famosi, figure pubbliche, pubblicisti e tutti quelli che si avvalgono dei social come canale di comunicazione per raggiungere la propria audience ed interagire con i propri clienti (o potenziali clienti) hanno nuove opportunità tra le mani. E tra la News Feed.

Immortalare un concerto con tutti, ma proprio tutti, i fan, come ha fatto Paul McCartney, far visitare una stazione spaziale, come ha fatto la NASA , svelare il “dietro le quinte” della Corte Suprema, come ha fatto il New York Times.

Un mezzo che offre nuove opportunità per
– la creatività, integrando il piano editoriale con post originali e inediti scorci;
– l’engagement degli utenti, chiamati in prima persona a cliccare ed esplorare l’immagine;
– una nuova e più completa integrazione tra quello che è l’offline e l’online per la moltitudine di aziende che si avvalgono del digital e che anelano la perfetta sinergia di queste due dimensioni.

Immaginate di poter offrire un giro virtuale nel vostro negozio reale, ma non sul vostro sito istituzionale, dove l’utente in un modo o nell’altro o va attirato e incanalato, o conosce già il vostro prodotto o servizio. Un tour interattivo della vostra azienda o del vostro negozio, o nuove prospettive sui vostri prodotti. Tutto su Facebook. E senza mai lasciare la piattaforma. Insomma, un mezzo interattivo, veloce e non invasivo, su un canale dal reach vastissimo.

Dall’altro lato, quello dell’utente-esploratore, immaginate di scrollare la News Feed e ritrovarvi nell’immenso pascolo di un’azienda di prodotti lattiero-caseari, di essere catturati dal verde dei prati, dalla libertà del bestiame e sentire quasi il profumo di erba fresca. Tutto il valore di filiera diretta in un’unica foto, in tutta la sua essenza. Una potenza comunicativa e una forza ispirazionale che nessun bollino, nessuna certificazione e persino nessun testo, da solo, riesce ad esprimere, ma può solo sapientemente accompagnare.

Una finestra interattiva sul mondo aziendale, che non vale solo nel caso di un’azienda di prodotti agroalimentari. Poter esplorare l’interno di un’azienda, il backend di un’agenzia, l’ufficio produzione, così come per la Corte Suprema. Scardinarne le porte virtuali con una foto ed invitare tutti gli utenti ad entrare a fare un giro, tra persone reali e a lavoro. Il concetto di humanization e personalizzazione dell’esperienza insieme, in una sola foto (360).

Una sorta di esplorazione come quella che già offre Google Maps Business View, per visitare gli interni delle attività. Potremmo dire che si tratta della stessa interattività, che però non si limita ad essere una vetrina per attività commerciali e, soprattutto, non viene offerta solo a chi atterra sul proprio website o è direttamente interessato ad esplorare quel luogo, quell’azienda o quell’angolo di mondo (del business). In questo caso la finestra interattiva viene “trapiantata” in una News Feed, accompagnata da un buon copy e una buona dose di creatività, e diventa a portata di tutti. Nel modo più facile, veloce e ben accetto di tutti: social-ly.

Insomma, Facebook 360 può essere considerato un mezzo attraverso cui dare un nuovo e più forte eco digitale al reale. Un modo per dire “prendete ed esploratene tutti”.

Per un confronto su quella che potrebbe essere la tua di strategia di comunicazione, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Digital transformation?
Parliamone